UN CUORE A PEDALI

(Liberamente ispirato al libro “Appunti di Geofantastica” di Gianluca Caporaso e Sergio Olivotti)

produzione
NASCA TEATRI DI TERRA

in collaborazione con
COMPAGNIA LA LUNA NEL LETTO

di e con
IPPOLITO CHIARELLO

regia, scene e luci
MICHELANGELO CAMPANALE

Costume e oggetti di scena
Lilian Costumi

Organizzazione e distribuzione

distribuzione@ippolitochiarello.it

+39 347 4741759

0832520532

📌

Spettacolo tout public:
6 + anni (per famiglie)

Tecnica: teatro d’attore

Genere: narrativa per bambini

Durata: 50 minuti.

Un eccentrico esploratore, un viaggiatore straordinario, sempre in cammino, in bicicletta e con tutti i suoi bagagli/casa addosso. Un viaggiatore capace di carpire le storie più intime e segrete delle città che attraversa e di ricostruire, con esse, una geografia fantastica quanto illuminante. Un creatore di mondi. Un appassionato di città.

Sono racconti appuntati nel suo quaderno, libro, diario, perché è importante non dimenticare. Non basta ascoltare, bisogna memorizzare, non basta sentire, bisogna scolpire nella testa e nel cuore.

Storie di città vere (in quanto immaginate) ma, come avverte l’esploratore, in esse non tutto sembrerà vero e non tutto sembrerà falso. Bisogna imparare a viaggiare tutti i giorni, da quando apriamo gli occhi, anche senza partire, anche solo per restare.

Arriva in bici (in teatro, ma lo puoi anche chiamare sotto le tue finestre, o in piazza nella forma del Barbonaggio Teatrale) e allestisce il suo spazio (autoportante), per raccontare i suoi viaggi, e raccogliere informazioni su quella città, o luogo della terra. Un vero e proprio allenamento, anche fisico, al viaggio, alla fantasia, allo sguardo, all’invenzione, alla meraviglia, guidati da Mister Nasca, nobile di nascita ed esploratore di professione, mangiatore di parole, scrutatore di strade, agitatore di gente felice.

Mister Nasca, in ogni sua tappa, con valutazioni “fantastiche” e misurazioni strampalate e guardando negli occhi il pubblico che incontra, afferma di scegliere, ogni volta, la città più adatta da raccontare, per ottenere il massimo del risultato. Ma in verità racconta sempre la stessa, la sua preferita: la città dei sogni, perché è la storia di un gruppo di bambini, esploratori come lui, che viaggiano perché una città vorrebbero fondarla.

Dopo aver fatto la sua sosta-racconto ed essersi assicurato di aver istruito le persone al viaggio, ricompone tutte le sue mercanzie e riparte in bici, scomparendo e allontanandosi ritornando sulla strada. Una vera e propria apparizione magica che cerca di mettere in moto l’immaginario dei bambini.

*Lo spettacolo nasce sul campo, scritto e provato in strada, sotto le finestre, nella modalità del mio Barbonaggio teatrale, durante la pandemia, cercando di mettersi in ascolto. Dalla strada è arrivato nelle scuole e arriva nei teatri.

 

INCONTRO CON L’AUTORE

È possibile affiancare alla programmazione dello spettacolo l’incontro con Gianluca Caporaso,

uno degli autori del libro da cui è tratto lo spettacolo: Appunti di Geofantastica.

Scrivo storie. Le racconto. Storie mie, storie di ogni provenienza passate di bocca in bocca fino al qui per insegnarci a stare insieme, guarire dalla paura del silenzio o dall’illusione di essere invulnerabili e perfetti.

Mi autodefinisco un lettore e un narratore, una persona che prova ad accendere fuochi di parole per radunare persone, trovare ragioni per camminare insieme, tessere trame di comunità, alimentare le potenze fantastiche di ognuno al fine di modulare al meglio il proprio rapporto con il mondo, fare la musica.

In gita per ogni luogo d’Italia conduco laboratori di scrittura fantastica per bambini, educatori, genitori e organizzo eventi di promozione della lettura e della narrazione.
Nel settembre 2017 ho ideato a Potenza un festival chiamato La città delle infanzie, un raduno di narratori, illustratori, esperti di linguaggi, artisti, pensatori, scenografi, tecnici e chiunque altro sia in grado di provocare stupori rispetto ai temi che variano di anno in anno. www.lacittadelleinfanzie.it

Mi occupo da sempre di solidarietà e progettazione culturale e sono tra i fondatori del collettivo artistico La luna al guinzaglio. www.lalunaalguinzaglio.it (Gianluca Caporaso)

TEMI generali

Il valore del viaggio come momento di confronto, scoperta e crescita

Il valore della differenza tra le culture e la bellezza dell’incontro e dell’abbraccio

Il valore del gioco fantastico con le parole e con il corpo per reinventare la realtà e viaggiare anche con l’immaginazione.

Il valore dello sguardo anche nel quotidiano, per “viaggiare” ogni giorno e scoprire la profondità di ogni persona e cosa che incontriamo.

 

TEMI PER OGNI CITTÁ

(Per l’incontro con l’autore si possono esplorare tutte le città raccontate nel libro)

 

Ischia

La città dell’iniziale perduta. Dove si aspetta la signora delle onde e si dice “ti amo” senza parole.

La memoria e il ricordo come fondamento delle comunità.

 

Terralba

La città del sole ai piedi. Dove cantando albeggiò e il gran sole mise voglia di frigoriferi.

La capacità dell’uomo di resistere alle avversità e di trasformare le difficoltà in opportunità come i semi dei fiori.

 

Corleone

La città dei coraggiosi. Dove gli umili si ribellano e per capire la vita fanno silenzio.

Perché il coraggio e la forza non si trasformino in arroganza e prevaricazione; per scoprire il valore della ribellione come costruzione.

 

Cosenza

Ovvero la città senza cose. Dove i fiori tornarono e chi troppo ebbe poco volle.

Come accade che il “poco” vale più del “molto”, e il “nostro” più del “mio”. Il valore del contatto e delle relazioni umane al di sopra di ogni cosa posseduta e di ogni chiusura.

 

Metaponto

La città del mezzo ponte. Dove le porte sono aperte e chi si innamora getta l’àncora.

Qui si scopre quanti passi bisogna fare per venirsi incontro, per capire il valore dell’accoglienza e dell’ospitalità e cosa significa essere stranieri e viaggiare verso terre sconosciute.

 

Corsano

La città della buona salute. Dove si bucano palloni e ridere fa bene al cuore.

La stravaganza, ovvero come colorare la vita e guardare il reale con occhi diversi: il potere salvifico dell’immaginazione.

 

Casalbordino

La città dei sogni. Dove ciascuno cresce solo se sognato.

Il diritto a sognare e a trovare gli strumenti per realizzare i propri sogni. Il dovere di offrire la possibilità di realizzare i sogni.

© 2017 NASCA TEATRI DI TERRA Via San Nicola, 47 73100 Lecce P.IVA 04008840755 - Developed by E-City Group
Cookie Policy - Privacy Policy